I siti si adattano a tutti i monitor con il Responsive Design

E’ notizia di questi giorni: Google si pronuncia a favore del Responsive Design attraverso un articolo apparso sul blog ufficiale Webmaster Central Blog e si sa che, quando Google scende in campo in questo modo, tutto quanto poteva essere considerato fino al giorno prima un esperimento, una moda, una corrente di pensiero, di colpo diventa una regola, una legge da seguire se non vogliamo essere tagliati fuori dal world wide web.
Ma facciamo un passo indietro e cerchiamo di chiarire nel modo più semplice possibile, cosa si intende per Responsive Design.
Da un po’ di tempo uno degli obiettivi principali per chi progetta e realizza siti è quello di renderli completamente accessibili alle nuove tecnologie: smartphones, palmari, eccetera. Esistono diverse tecniche per ottenere questo risultato, ma Google sostiene che, per una completa compatibilità e per avere migliori risultati in ambito SEO, la strada giusta sia adottare questa soluzione che, avvalendosi della potenza del CSS3, fa in modo che tutti i contenuti di una pagina web si adattino in modo fluido ai vari formati di monitor e a tutti i sistemi operativi.

Noi di MADE abbiamo sempre prestato molta attenzione a questo aspetto e da tempo abbiamo adottato questo linguaggio, così tutti i nostri ultimi progetti sono realizzati in modalità responsive.

Per avere un chiaro esempio pratico, potete accedere a questa pagina e provare a variare anche drasticamente le dimensioni della finestra del vostro browser per valutare come variano le dimensioni e l’incolonnamento delle immagini e del menù.

FacebookTwitterLinkedInTumblrPinterestCondividi

Tags: , ,

Informativa sulla privacy e sui cookie Privacy Policy
© MADE. All Rights Reserved | MADE snc di Ferri Silvia & C. | Via Caboto 4 29015 Castel San Giovanni (PC) | CF e P. IVA 01663240339